Libri   Home Page   Contattami   Iscriviti   Home Page  
Utente
Pass
Vai


  I MIEI LIBRI - CATERINA - Recensioni
  Dalla prefazione di Marco Marchi             

L'attendibilitÓ letteraria di un testo come Caterina si svolge tutta tra l'esigenza di un progetto che sovrintenda a minutamente accompagni l'opera nel suo farsi e il suo ritornante, inesorabile decadimento.

E' un gioco complesso e intrigante, piacevole e persino autolesionistico.
L'autore stesso si presta in partenza a confondere i propri lineamenti con quelli del personaggio protagonista (un eroicomico scrittore quarantenne c˛lto in chiave sociologica sull'orlo del riconoscimento ufficiale), per poi ritrovarlo (ritrovarsi) trattato come Ŕ trattato. Di pi¨: in senso narratologico pieno Codazzi costruisce distruggendo. Il suo narrare si rinnega e si eccita, il suo progetto subito si rifrange nelle mille facce di un prisma possibilistico che induce a movimenti incoativi, che livella dispersioni e ciclici ritorni, che svaria ma non tollera inerzie. !...!

Alle trame attese e alle esemplaritÓ pedagogiche subentrano le prospettive di un romanzo inclusivo e potenzialmente inesauribile che mira a realizzare, tramite un appassionato recupero di incidenze, la "storia delle storie". !...!
L'opera, !...! come infinito procŔdŔ: forse l'allegoria involontaria di un piccolo dio della Genesi, o un incalco della rivolta. O l'ennesimo miraggio - uno fra i tanti - di caterina.


Dalla prefazione di Marco Marchi


 
   TESTO   RECENSIONI   COMMENTI     SCRIVI COMMENTO   TORNA AL CATALOGO 
      Libri   Home Page   Contattami   Iscriviti   Home Page